la-nostra-storia

La nostra storia

Il nostro viaggio parte da molto lontano.

Una casa costruita all’inizio dell’Ottocento (forse prima) a cominciare dal piano della corte, e poi rialzata in base alle necessità: un piano strada,  un primo e un secondo piano, quest’ultimo costruito  tra il 1890 e il 1910, come documentano due fotografie del paese di Cavaion scattate in quegli anni e appese nell’Ufficio Anagrafe del Comune. 

Una famiglia allargata: padre muratore e madre casalinga, con tre figlie femmine (Zita, Norina, Maria) e un figlio maschio (Riccardo) che sarà per due volte sindaco di Cavaion, immediatamente dopo la Prima e la Seconda Guerra Mondiale.

Riccardo, prima maestro del paese  poi  notaio, si trasferirà a Verona con la famiglia.

Le tre sorelle invece rimarranno tutta la vita nella casa natia, tranne Zita, che si sposerà e andrà a vivere in un’altra corte sopra Bardolino, ma, rimasta vedova dopo pochi anni, farà ritorno e si occuperà della casa, del giardino, dell’orto e di galline e conigli insieme alle sorelle. 

Maria sarà anche  la sarta del paese (la sartoria occupa l’attuale sala per il breakfast) ma sarà conosciuta anche per il suo impegno in  parrocchia e per la sua incrollabile fede religiosa,  pienamente condivisa anche dalle sorelle.

Norina e Maria avevano occhi incredibilmente azzurri.

Alla morte delle tre sorelle (prive di eredi diretti), la figlia di Riccardo, Sandra, continuerà ad occuparsi con amore della casa, del giardino e dell’orto pur abitando a Verona.

La casa verrà abitata poi da Francesco (figlio di Sandra e nipote di Riccardo) e dalla sua famiglia (moglie e due figli: un maschio ed una femmina).

La moglie, Maria, che è la più giovane di tre sorelle, si dedica ora al B&B.

Maria è un’insegnante part time ma le piace pensare di poter offrire alcune stanze della grande casa a chi ama viaggiare come lei, in particolare alle donne. Sta cercando di imparare l’inglese per comunicare con tutti ma nel frattempo si fa aiutare dal marito che sa sia l’inglese che il francese. E’ rispettosa della privacy ma se può aiutare è sempre disponibile a farlo: desidera che le persone si sentano a loro agio.